5/01/2018

Caraval; Stephanie Garber - Recensione

Titolo: Caraval
Autore: Stephanie Garber
C.E: Rizzoli
Genere: Fantasy
Pagine: 429
Prezzo listino: €18,00
Clicca qui per avere uno sconto!


Trama: 
Il mondo, per Rossella Dragna, ha sempre avuto i confini della minuscola isola dove vive insieme alla sorella Tella e al potente, crudele padre. Se ha sopportato questi anni di forzato esilio è stato grazie al sogno di partecipare a Caraval, uno spettacolo itinerante misterioso quanto leggendario in cui il pubblico partecipa attivamente; purtroppo, l'imminente, combinato matrimonio a cui il padre la sta costringendo significa la rinuncia anche a quella possibilità di fuga. E invece Rossella riceve il tanto desiderato invito, e con l'aiuto di un misterioso marinaio, insieme a Tella fugge dall'isola e dal suo destino... Appena arrivate a Caraval, però, Tella viene rapita da Legend, il direttore dello spettacolo che nessuno ha mai incontrato: Rossella scopre in fretta che l'edizione di Caraval che sta per iniziare ruota intorno alla sorella, e che ritrovarla è lo scopo ultimo del gioco, non solo suo, ma di tutti i fortunati partecipanti. Ciò che accade in Caraval sono solo trucchi ed illusioni, questo ha sempre sentito dire Rossella. Eppure, sogno e veglia iniziano a confondersi e negare la magia diventa impossibile. Ma che sia realtà o finzione poco conta: Rossella ha cinque notti per ritrovare Tella, e intanto deve evitare di innescare un pericoloso effetto domino che la porterebbe a perdere Tella per sempre... 
Recensione:

Buongiorno
booklovers e buon 1° maggio. Eccoci tornati, finalmente, con una nuova recensione.
Quest'oggi vi andremo a parlare di "Caraval", un libro di cui avevo già sentito parlare molto prima della sua pubblicazione in Italia.





Per via delle storie che raccontava la nonna a lei e la sorella quando erano bambine, Rossella ha sempre sognato di poter partecipare a Caraval, un gioco leggendario, magico, intrigante e misterioso con in premio un desiderio. Iniziò così a spedire numerose lettere a Mastro Legend, dal quale, però, non ricevette mai risposte, chiedendogli di portare i giochi di Caraval sulla loro piccola isola poiché non avrebbe mai potuto lasciarla per via del padre, un uomo crudele e "spietato".

Ormai, dopo tanti anni perse ogni speranza di ricevere risposte da Legend, non pensò ad altro che al suo matrimonio imminente, promessa a un uomo miserioso che non conosceva neanche ma che le sembrò l'unico modo per avere una vita migliore per lei e la sorella, Donatella, e fuggire dalle grinfie del padre.

Ed ecco che ricevette l'attesissima lettera, tanto che quando la ricevette non poté crederci neanche lei stessa.

"Immaginò che amarlo sarebbe stato come amare la tenebra, spaventosa e divorante, ma bellissima quando spuntavano le stelle."

Appena conclusa la lettura ho pensato che fosse tra i libri migliori che avessi letto durante il 2017 ma poi, pensandoci su, al momento di portarvi la recensione, mi sono resa conto che, dopotutto, non fosse un libro a cui assegnare 5 stelle su 5.
Oddio, la storia potenzialmente è avvincente, intrigante, affascinante con anche quella giusta misteriosità ma, i personaggi mancavano di qualcosa.

In particolare con Rossella non mi trovavo in empatia, in genere mi immedesimo nelle storie dei protagonisti ma con lei non ci sono proprio riuscita. A volte però il SUO carattere verrà fuori e saranno i momenti in cui ci si troverà più in sintonia, purtroppo, però, molte volte rimane chiusa nei suoi pensieri e nelle sue convinzioni. Donatella, invece, la sorella che ha, in poche parole, costretto Rossella a partecipare ai giochi, resterà esclusa dalla trama fino alla fine, quindi su di lei non sono riuscita a farmi idee precise.. se posso dirlo, a un certo punto, mi è sembrata proprio idiota ma aveva i suoi perché e alla fine vi verrà svelato il motivo.
Avrei voluto che Legend fosse stato più presente fisicamente durante il gioco e non che fosse rimasto sullo sfondo della trama per tutto il tempo.. ma forse, così facendo la storia si sarebbe conclusa troppo in fretta e non avrebbe avuto quel mistero affascinante alla base di questa storia che ti lascia con una domanda precisa: chi è Mastro Legend in realtà? Probabilmente sapremo qualcosa in più sul suo conto nel secondo volume: "Legendary" .
Poi c'è Julian, un marinaio passato presso l'isola di Trisda per caso e che, per caso, si troverà al fianco di Rossella per tutta la durata dei giochi al posto del misterioso uomo a cui era promessa.
Julian è il personaggio con più carattere della storia, carismatico e misterioso anche più di Legend stesso, durante la trama vi riempirà la testa di domande... io, personalmente, non ho ancora capito se lo odio, lo ammiro o lo adoro ahaha.

"Credo che le persone debbano essere libere di scegliere. Ma mi dispiace per tutte le volte in cui ti ho mentito."

Penso che questa sia una storia originale, il lessico non è particolarmente ricercato e lo stile è scorrevole. In certi punti mi ha tenuta attaccata alle pagine, non riuscivo a staccarmici, altre parti invece, mi sono pesate un po' di più, tutto sommato è una lettura piacevole, anche se vi terrà con il fiato sospeso. Diciamo che i colpi di scena in questo romanzo non mancano proprio.

Non assegnerò 5/5 come volevo fare istintivamente, vorrei senz'altro leggere il secondo volume, ho bisogno di risposte per questo al momento il mio voto è 3.5/5.
Ve lo consiglio vivamente, ne vale la pena.

Un abbraccio, Aurora.






















Nessun commento:

Posta un commento