5/24/2017

Waterfall; Lauren Kate

 

Titolo: Waterfall
Autore: Lauren Kate
Casa Editrice: Rizzoli
Pagine: 397 pagine
Genere: Fantasy
Prezzo listino: €16,90

Voto: 4.5/5⭐


Clicca qui per acquistarlo a prezzo scontato! 
Il pianto di Eureka ha travolto il mondo intero, e ora il regno di Atlantide è riemerso, portando alla luce il suo malvagio re. Eureka è l'unica che può fermare i suoi piani di distruzione, ma prima deve imparare a combattere. Viaggia attraverso l'Oceano insieme a Cat, alla sua famiglia e al misterioso Ander, il solo che può condurla al cospetto dell'enigmatico Solon, che sa come sconfiggere il re Atlante per sempre. Raggiunto il luogo in cui si nasconde Solon l'eremita, Eureka deve affrontare innumerevoli prove per vincere la diffidenza della comunità del luogo, stremata dagli stenti provocati dalla devastazione delle acque. Ma la prova più dura non tarda ad arrivare: Atlante è in agguato, annidato nel corpo di Brooks. Eureka potrebbe eliminarlo una volta per tutte ma sa che così perderebbe per sempre anche il suo migliore amico. Smarrita nelle tenebre dell'oscuro mondo che lei stessa ha generato, Eureka cerca le risposte che non ha in uno stagno incantato che le svela un inquietante segreto: se sarà abbastanza forte potrà sconfiggere Atlante, ma il suo cuore spezzato è proprio quello di cui ha bisogno il perfido re per ristabilire il suo regno.




Allora, parto già col dirvi che questa sarà una recensione piena di spoiler, ho bisogno di sfogarmi.
comunque, salve lettori, come state? qui tutto bene, continua a fare caldo e cresce sempre più la consapevolezza che fra un po' bisognerebbe mettere il costume.
Vi voglio parlare di "Waterfall" il secondo volume della duo logia di Eureka.

partiamo dal principio.. "teardrop" si conclude con  la scoperta che Atlante ha posseduto Brooks, per questo motivo cambia nei confronti di Eureka, cercando più volte di ferirla e farla piangere ( poiché le sue lacrime hanno il potere di riportare in superficie il suo regno.. inondando il mondo terrestre, giusto.)
oltre ciò i Guardiani (coloro  che volevano evitare che Atlantide risorgesse uccidendo la ragazza che ne ha il potere) si presentano di mattina presto a casa di Eureka, prendendo in ostaggio i due gemellini in modo che lei si sacrifichi per loro, la compagna del padre, nonché la madre dei gemellini, Rohda( insopportabile.) volendo salvare i figli viene uccisa. il padre si dispera per la morte della seconda moglie e tutto questo Eureka non riesce a sopportarlo più, scoppia, piange e inizia il diluvio, il mondo inizia a sommergersi e muoiono tantissime persone.
Per cercare di salva re il mondo Eureka, i gemellini, Cat, il padre di Eureka e Ander vanno alla ricerca di un altro guardiano, Solon.
Inizialmente non lo sopportavo, solo alla fine si è rivelato un'altra persona, sacrificandosi per i nostri amici in modo tale che gli altri guardiani morissero insieme a lui. Ma andiamo per ordine.
I nostri amici si recano lì, ma durante il viaggio il padre si ferisce, causa un'onda anomala. le fattucchiere che lavorano per Solon aiutano il padre ad arrivare alla grotta e guidano i nostri amici per la strada giusta.
arrivati lì hanno a che fare con una persona che all'apparenza sembra senza sentimenti, presuntuosa, e odiosa, Solon.
nel corso della storia si viene a scoprire che Eureka non è la discendente di Selene ma bensì di delfina, la cattiva. Non poteva mancare il colpo di scena.

Diciamo che avrei troppe cose da dire su questo libro ma vi farei troppo, troppo spoiler.

Ma comunque per chi li ha letti immagino che si aspettassero anche loro loro qualcosa tra Eureka e Ander, data la fine di "teardrop"... e invece no!
Eureka scopre che un guardiano quando si innamora invecchia molto più velocemente, perciò decide di allontanarsi ancora di più da lui... e non doveva! perché sorpresa delle sorpese: ANDER NON E' UN GUARDIANO.
okay, questa cosa mi ha fatto parecchio sclerare perché se lo avessero saputo prima non sarebbe successo tutto ciò che è successo, Certo questo secondo volume mi è piaciuto più del primo. ma il finale.. il finale mi ha lasciata di stucco.

comunque lo stile di Lauren Kate è scrrevole, descrittivo, riesce a farti immergere nei luoghi delle sue storie e a farti immedesimare nei personaggi.